lunedì 9 settembre 2013

Osama Game



Avete presente quella sitcom anni '80 intitolata "Super Vicki"? Quella in cui una ragazzina robotica sui dieci anni leggeva i libri sfogliando le pagine alla velocità della luce?
Ecco, io mi sono sentita un po' come lei leggendo "Osama Game" (letteralmente, King Game, ossia Il gioco del Re). Non perché fosse particolarmente bello, però. Nemmeno lo stile di scrittura è la causa di tanta avidità, perché è pieno - ma pieno zeppo - di tanti di quegli errori e di quelle lacune per cui l'80% degli editori e degli agenti letterari porterebbe il manoscritto alle cene di lavoro per scompisciarsi coi colleghi.
L'effetto incatenante è dato da due fattori principali: la bassezza dell'animo umano, la stessa che porta la gente ad assieparsi intorno a un incidente stradale per poi correre a casa e condire il racconto con dettagli via via sempre più scabrosi; e la curiosità. Ma andiamo con ordine.
Il meccanismo ricorda moltissimo i ben più celebri (e migliori, sotto ogni punto di vista, almeno per me) Battle Royale e il più recente Hunger Games, che a sua volta è praticamente identico a Battle Royale di Takami (pur essendo quest'ultimo di livello superiore, almeno per il mio personale parere): trentuno studenti devono uccidersi fra loro fino a decretare il vincitore, l'unico sopravvissuto.
L'aspetto positivo è che seppur il meccanismo sia noto, la trama è ben diversa: il Gioco del Re non è altro che l'oggetto di una mail che tutti i trentuno studenti ricevono puntualmente ogni sera a mezzanotte. Il contenuto è chiaro e brutale: di volta in volta, uno o più degli studenti dovranno compiere una determinata azione nei confronti o ai danni di un altro/altri studente/i. A nessuno è consentito rifiutarsi di giocare né disobbedire. Gli ordini del Re sono assoluti. All'inizio gli ordini sono fattibili, ma poi...
Beh, avete capito il meccanismo, no? La mente umana vuole sapere, brama l'oscurità, e continua a leggere. Sono pochi quelli che davvero non hanno interesse per questo genere di cose, ancor meno quelli che non sono almeno curiosi di vedere fin dove si spingerà la morbosa crudeltà del Re. Perciò continuerete a leggere, questo è certo. Al di là del pessimo stile di scrittura, dei modi di dire inseriti a casaccio quasi in ogni frase; al di là delle parolacce frequentissime, della psicologia quasi inesistente, della banalità di molti dialoghi, delle descrizioni a dir poco banali... continuerete a leggere. E a giocare.
In definitiva, il libro non mi è dispiaciuto. Cioè, detesto tutto di com'è stato scritto, ma l'idea è buona e il modo in cui è stata messa a punto a tratti è interessante. Un paio di personaggi sono buoni, soprattutto Ria, ma non vi dirò perché. E' anche possibile che voi la vediate diversamente da me. In quanto scrittrice, ammetto di essere molto pignola nei riguardi di ciò che leggo. Mi farebbe piacere che chi ha letto il romanzo, il fumetto o magari ha visto il film - è gradito il link al sub ITA, grazie! :D - mi facesse sapere se gli/le sono piaciuti.
Una curiosità? Il nome del protagonista è anche quello dello scrittore.
Un'altra curiosità? In Giappone sono già usciti i primi numeri del sequel sotto forma di fumetto... suppongo che nel giro di un annetto, o al massimo due, avremo anche il seguito del romanzo! Stay tuned!

P.S.: Scusate se non ho scritto per tanto tempo, ma purtroppo sto attraversando diversi problemi di salute e inoltre mi sto dedicando alla revisione delle ultime pagine del mio primo romanzo. Farò del mio meglio per essere sempre più presente! ;)

19 commenti:

  1. Non credo che riuscirei a leggere un libro con una trama del genere... Ora però mi metto il blog tra i preferiti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premetto che, dopo mesi in cui me ne sono successe di tutti i colori e dopo aver lasciato il blog da parte per poi riprenderlo a pieno regime, noto solo ora il tuo commento. Non capisco come sia possibile! Doveva arrivarmi una mail di avviso, e invece... niente. Mi dispiace un sacco di non averti risposto subito, ma meglio tardi che mai, perciò eccomi qui a ringraziarti (con un ritardo indecente) del tuo commento e per aver messo il blog tra i preferiti, se ti va sappi che ho appena aperto un giveaway dove regalo tre libri, mi farebbe piacere se partecipassi :-)
      Ci credi che ho comprato anche Osama game 2...? Però non ho avuto ancora il coraggio di leggerlo XD

      Elimina
  2. 2 sere fa ero uscito con una mia amica, siamo stati in una libreria che rimaneva aperta fino alle 23.30
    Mi voleva far prendere un libro per il mio compleanno oramai passato,
    ho curiosato come uno squalo intorno al reparto fantasy-horror, stavo per prendere il mammuttone della saga completa dei racconti di Terramare, quando dietro di lui c'era un libro più piccino, con un teschio che mi sorrideva, intitolato ''Osama Game - Il gioco del Re'' mi ha incuriosito, ho letto quelle due righe di dietro, ed essendo un fanatico di queste storie (fra Saw, Doubt e Judge, Battle Royal e company) ho scelto lui posando la sacra bibbia fantasy ahahah!
    Tornato a casa (era 00.20) ho posato tutto gettando solo uno sguardo alle prime pagine del libro (essendo io un tipo alquanto affrettato, mi faccio prender dal momento e prendo molte cose {e dire che non mi pento mai però XD}) bene. L'ho letto in due tempi di giornata. Sono andato a letto alle 5 e svegliandomi alle 12 ho finito di leggerlo, non mi era mai capitato con altri libri o.ò e ne ho veramente, veramente molti lol
    Un mio amico è venuto a trovarmi, ha visto il libro sul tavolo, io stavo giocando alla play, ha letto le prime due righe e... se n'è andato alle 9 di sera, con l'amaro in bocca per non aver finito il libro per sole 50 pagine ahahaha, il giorno dopo è tornato per finirlo,intanto io sono andato in fumetteria a prendere il manga, che dire. Scritto alla cavolo di cane ma cassius che figata! ò.ò
    E se dici che c'è un sequel.. e sospetto esageratamente di che tratta (anche se non ho capito ancora chi fosse il Re xD) non vedo l'ora che esca <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh mon dieu ho visto solo ora il tuo bellissimo commento! Ma non è possibile, cacchio! Si vede che non mi era arrivata la mail l'anno scorso, e così non l'ho mai visto! Ma che cappero, non è possibile T.T che figuraccia... lascia che ti dica SCUSA per il ritardo indecente e GRAZIE per il commento bello sostanzioso! Avevo lasciato un po' il blog da parte l'anno scorso, ora invece da diversi mesi l'ho ripreso alla grande! Fra l'altro, se ti va di partecipare, ho appena aperto un giveaway dove regalo tre libri :3
      Detto questo, hai proprio ragione: questo libro è scritto orrendamente, ma non si può proprio smettere di leggre XD fra l'altro il 2 non l'ho ancora letto, anche se l'ho comprato. Ma sai che mi pareva di aver letto che ne esistano almeno 5 o 6? Non mi sono più informata sui successivi, perciò non so se siano usciti o meno.
      Per quanto riguarda il Re... ehm... uhm... ho letto questo libro l'anno scorso, quindi non ricordo con esattezza, ma non c'era quella tipa da una classe precedente che si "reincarnava" o una cosa simile in ogni classe, di generazione in generazione?

      Elimina
    2. Errata corrige, in Giappone ne sono usciti 9 O.O

      Elimina
  3. http://ilclubdeiduellanti.forumcommunity.net/m/?t=57263489 Questo è il link per il film sub ita...merita di essere visto...molto inquietante.

    RispondiElimina
  4. Wow, grazie!
    Tra l'altro mi scuso per il fatto di non aver più aggiornato il blog da diversi mesi, ma ho avuto un milione di cose da fare, molti impegni lavorativi e non, anche legati al mondo meraviglioso della letteratura... ne parlerò nel mio prossimo post :)

    RispondiElimina
  5. Ma poi, oltretutto sembra che veramente sia uscito il sequel del libro! Qualcuno l'ha letto?
    Visto le (svariate) perplessità sul primo romanzo, vorrei tutelarmi prima di comprare il secondo XD

    RispondiElimina
  6. Ho letto il 2° romanzo (in Jap ne sono usciti 9!)... Mooolto più splatter e crudele... Merita leggerlo per arrivare a un finale...inaspettato! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooove? D:
      Accipicchia! Il mio povero portafoglio!
      Ma il secondo è scritto meglio del primo, intendo proprio anche come stile di scrittura, secondo te? *e ridendo e scherzando cliccò su AGGIUNGI AL CARRELLO DI AMAZON*

      Elimina
  7. Come stile letterario penso sia molto simile al primo...sicuramente costano un po' troppo, paghi la copertina cartonata (che non serve a una cippa!) -.-'
    Qui trovi le copertine e i titoli dei 10 romanzi usciti in Giappone: http://i.imgur.com/QDkSZ1R.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai è troppo tardi, l'ho comprato XD non ho resistito quando me ne hai parlato, domani arriva il pacco di Amazon... lo leggerò quanto prima e lo recensirò! :P
      Copertine quanto mai simili e perplimenti... oh, beh! Chissà se usciranno anche in Italia e se (auspicabilmente) lo stile di scrittura migliorerà progressivamente, soprattutto nel lessico usato tra questi gggiovani...

      Elimina
  8. Me ne ha parlato un collega proprio oggi, me l'ha venduto come un libro stupendo (per lui che non legge praticamente nulla) xD

    Da quel che scrivi non mi ispira particolarmente... Se ti interessa l'argomento (uomo che diventa bestia, crudeltà umana ecc) ti consiglio Cecità di José Saramago e Il signore delle mosche di William Golding, di tutt'altro calibro (se ti interessa sul mio sito li ho recensiti entrambi) ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh oddio, stupendo magari no... non è scritto bene, ma è molto scorrevole e concitato, quindi non riesci a smettere di leggerlo XD
      Il signore delle mosche è fra i miei libri preferiti in assoluto, ho sanche Cecità ed è un po' che vorrei leggerlo, per ora ho visto solo il film... solo che quell'impaginazione e la mancanza di punteggiatura mi scoraggiano un po' O.O

      Elimina
    2. È lo stile di Saramago, tutti i suoi romanzi (tranne uno) sono così. Personalmente lo adoro *_*

      Elimina
    3. Lo apprezzerei di più se questo stile lo avesse usato solo per Cecità, in quanto sarebbe aderente al contesto: in un mondo buio, dove tutti, tranne una donna, sono ciechi, uno stile simile è perfetto. Nel buio tutte le frasi sono uguali, non esiste punteggiatura, le voci si accavallanoai pensieri. È uno stile unico, che mi intriga, ma se ho già avuto problemi seri con Joyce dubito di riuscire a leggere Saramago XD

      Elimina
    4. Eh, il primo impatto è traumatico xD Per leggere La caverna, mio primo libro di Saramago, ci ho messo mesi! Dopo Cecità e Le intermittenze della morte però non posso più farne a meno!

      Elimina
    5. Riproverò senz'altro a leggerlo, allora :)

      Elimina

Tu.
Sì, proprio tu.
Ti trovi in un luogo fra lo spazio e il tempo, dove l'educazione e il rispetto sono la regola internazionale. Se ciò che stai scrivendo è offensivo, sei pregata/o di contare fino a dieci e ricordarti che nell'eternità siderale la stupidità non ha luogo.